Come affittare la tua casa vacanze ai nomadi digitali

In accordo con le previsioni fatte da Pieter Levels, entro il 2035 il mondo arriverà ad ospitare nove miliardi di persone. Di queste, sei miliardi saranno lavoratori, metà dei quali freelancers.

Levels ha anche tracciato una stima secondo cui un terzo di questi freelancers saranno nomadi digitali. Questo significa un miliardo di persone che lavoreranno in remoto nei prossimi due decenni.

In virtù di questo, affittare una casa vacanze a questa nicchia di persone, potrebbe essere in futuro una grossa risorsa per il tuo business. Andiamo però passo dopo passo e vediamo le basi dei nomadi digitali.

Cos’è un nomade digitale?
Come ci spiega Wikipedia, un nomade digitale è “un tipo di persona che utilizza le tecnologie delle telecomunicazioni per guadagnarsi da vivere, e più in generale, condurre una vita nomade”.
Costituiscono un settore in crescita fra la popolazione “impiegata” e, grazie alla flessibilità del ruolo che svolgono quotidianamente, possono portare avanti il proprio lavoro da qualsiasi parte del mondo con poco più di una connessione internet ben funzionante.

Da questo potrai capire cosa, la tua casa vacanze, necessita per poter essere avviata e pronta ad ospitare questa nicchia di persone. Questo fenomeno ha anche subito una forte crescita dopo la pandemia e il conseguente lockdown, con tantissime persone che hanno iniziato una vita da nomadi digitali.

Vantaggi:
I nomadi digitali sono un target ideale quando si tratta di espandere il pubblico di una casa vacanza. Ci sono diverse ragioni per questo, ma la ragione principale è che questo tipo di viaggiatore è quello che si chiama “bassa manutenzione”.

Questo significa che probabilmente non pretendono molto da te: la cosa più importante è che possano fare bene il loro lavoro. Un posto comodo e tranquillo e una connessione wifi ad alta velocità è tutto ciò di cui hanno bisogno per stare bene.

In cambio, scoprirai che tendono a prendersi più cura del tuo alloggio: dopo tutto, i nomadi digitali sono lì per lavorare, non per fare festa. Inoltre, il passaparola funziona molto bene con questi viaggiatori. I nomadi digitali sono una comunità online attiva, e se ti costruisci una buona reputazione, ti assicurerai un flusso costante di ospiti al tuo alloggio.

Cosa fare:
  1. Avere i servizi adeguati
  2. Promuovere offerte fuori stagione per soggiorni più lunghi
  3. Mostrare i luoghi attrattivi nelle vicinanze
  4. Pubblicizzare nei gruppi di Facebook
  5. Accettare le prenotazioni last minute
  6. Invitare figure influenti della comunità
  7. Pubblicizzare la tua proprietà su siti web specifici
  8. Imparare nuove lingue

Conclusioni
Il nomadismo digitale è una delle tendenze di viaggio più interessanti emerse negli ultimi anni. Con la popolarizzazione del lavoro a distanza sulla scia della pandemia, il numero di nomadi digitali sembra destinato a continuare a crescere in futuro.